· 

Giardini Majorelle Marrakech

Di Giulia e Gianluca


Quando si pensa a Marrakech vengono in mente i suoi colori che si mescolano e confondono l’uno con l’altro in un intricarsi di stradine caotiche e disordinate, si pensa al rosa intenso delle case, o a un color terra che a volte sembra un tutt'uno con quello del sole e del cielo al tramonto; viene in mente il rosso, il suo colore da città imperiale, vengono in mente le luci calde delle lanterne o i colori accesi delle spezie, quelli  vivaci delle scarpette vendute nei suq.

 

Colori che sembrano essere vivi,

 

colori che si trasformano in profumi

 

Colori che vanno e vengono, che si intrecciano nel caos della medina, dove le chiacchiere, le urla dei venditori, il passaggio dei carretti trainati dagli asinelli, gli schiamazzi dei bambini che si rincorrono avvolgono chiunque sia di passaggio.

 

Varcando una delle antiche porte della città vecchia, la Bab Doukkala, si esce dalla medina, si è nuovamente catapultati nel caos, un caos diverso, meno piacevole. Affrontare il traffico disordinato tipico del Marocco è un obbligo, fino a quando non si arriva dinnanzi alla porta di una struttura con la facciata abbastanza anonima ma che lascia intravedere la folta vegetazione all'interno delle mura.

 

 

E ad un tratto la tranquillità, un’oasi di pace dove tutto sembra trovare equilibrio, perfino i colori.

Siamo arrivati ai Giardini Majorelle.

Giardini Majorelle - Marrakech
Giardini Majorelle - Marrakech

I giardini Majorelle (Marrakech)

I giardini Majorelle – Le prime impressioni

Varcata la soglia dei giardini ci s'imbatte nel famoso colore, il blu Majorelle, un blu intenso, passionale, un blu acceso, immerso nel verde di un giardino dalle mille piante esotiche, che riflette nei laghetti dove carpe dai mille colori nuotano felici.

 

Il silenzio è accompagnato solamente dal cinguettio degli uccellini e dallo scorrere sereno dell’acqua nelle fontane e nei laghetti.

I giardini Majorelle sono nati proprio così, come un’oasi tranquilla dove rifugiarsi.

 

 

La bellezza del luogo si apprezza ancor di più camminando tra i piccoli viali all'ombra della vegetazione, osservando le piante e godendosi il senso di freschezza che questo luogo emana anche nelle calde giornate di Marrakech.

 

Giardini Majorelle Marrakech

La storia dei giardini Majorelle

Fu il pittore francese Jacques Majorelle a creare il magico giardino nel 1923, facendo costruire uno studio artistico nel  bel mezzo e dandogli quel colore unico che poi ha ereditato il suo nome.

 

Sfortunatamente però, dopo la sua morte il luogo venne abbandonato e, senza nessuna cura, il suo fascino si spense inevitabilmente.

 

Giardini Majorelle Marrakech

 

Oggi possiamo godere di questo straordinario giardino grazie a qualcuno che di bellezza se ne intendeva davvero, il grande stilista e artista Yves Saint Laurent, e grazie al suo compagno Pierre Bergé. Essi acquistarono il giardino nel 1980, lo restaurarono dando nuova vita a questo incantevole luogo.

 

Ma non solo, garantirono al giardino un gran futuro, infatti dopo la morte di Yves Saint Laurent nel 2008, Pierre Bergé donò il giardino alla fondazione Pierre Bergé - Yves Saint Laurent, venne istituita anche la fondazione Jardin Majorelle e venne costruito nel giardino un memoriale dedicato allo stilista francese, le ceneri per sua scelta furono sparse nel roseto dell’orto botanico.

 

Giardini Majorelle Marrakech
Memoriale Yves Saint Laurent

Giardini Majorelle  Marrakech– Informazioni per la visita

Giardini Majorelle - informazioni visita

I giardini Majorelle si trovano in Rue Yves Saint Laurent, nella ville nouvelle (città nuova) di Marrakech.

È bene sapere che i giardini Majorelle fanno parte di un complesso più ampio che propone diverse visite. Oltre ai giardini, potrete scegliere di visitare anche il museo dedicato alla cultura berbera e mostre temporanee.

 

TARIFFE

Biglietto Normale: giardini 70 dhs - Museo 30 dhs

Ridotto: Per cittadini e residenti marocchini: Giardini 40 dhs / Museo 10 dhs  - Studenti universitari marocchini: Giadini 25dhs /Museo 5dhs.

Organizzazioni no-profit: Giadini 25dhs /Museo 25dhs.

Studenti universitari di altre nazioni: Giardini 35dhs /Museo 25dhs.

 

Gratuito: Bambini di età inferiore ai 12 anni, scolaresche nazionali ed internazionali presentando richiesta scritta, agenti e guide di viaggio presentando il biglietto da visita, giornalisti con tesserino che attesti la professione.

 

ORARI

Aperto tutti i giorni dell’anno dal 1 ottobre al 30 aprile 8.00-17.30; dal 1 maggio al 30 settembre 8.00-18.00; Il periodo del Ramadan 9,00-17,00. Accessibile ai disabili.

Contatti: Tel. +212(0)524313047, Tel. +212(0)661759058, Tel.+212(0)524301894 / Email / Sito web Giardini Majorelle

 

 

Infine è importante sapere che la fondazione Jardin Majorelle è un’organizzazione no profit che garantisce la conservazione e la manutenzione della proprietà con le sue sole risorse. I guadagni derivanti dalla vendita dei biglietti vengono reinvestiti oltre che per la conservazione del giardino anche per finanziare progetti di tipo culturale, sociale ed educativo in Marocco.