Sartiglia: una delle più antiche manifestazioni equestri del mediterraneo

Di Gianluca Largiu

Il carnevale sta arrivando e, come ogni anno, arrivano le sfilate e le feste in maschera, ma noi oggi vi parliamo  della Sartiglia, una particolare ed affascinante manifestazione equestre che si svolge ogni anno ad Oristano, in Sardegna. Uno spettacolo che ha origini antiche (documenti attestano che già nel 1546 si svolgeva questo spettacolare evento) e che ogni anno attira turisti da tutto il mondo. 

Nata nel Medioevo e sviluppatasi nei secoli successivi  come spettacolo popolare, questa manifestazione mantiene ancora tutto il suo fascino. La Sartiglia, con le sue meravigliose maschere, il rito della corsa  alla Stella e le spettacolari acrobazie dei cavalieri, conquista e affascina da sempre tutti. Anche quest’anno, come ogni anno, arriva puntuale a Oristano per offrirci due giornate piene di divertimento.

Domenica 11 febbraio ci aspetta la Sartiglia del gremio* dei contadini, mentre martedì 13 febbraio è la volta del  gremio dei falegnami. Le giornate sono così organizzate: alle ore 10:00 un araldo a cavallo, accompagnato da tamburini e trombettieri, annuncia l’inizio della Sartiglia, invitando tutto il popolo a partecipare. Ma è alle ore 12:00 che inizia il vero spettacolo, con la cerimonia della vestizione de su Componidori* (capocorsa) cui si accede solo su invito da parte dei Gremi, ma visibile dal maxi schermo in piazza Eleonora d’Arborea. Un’ora dopo circa inizia il corteo, composto da 120 cavalieri, che porta al grande rito della corsa alla Stella, in via Duomo, dove i protagonisti si cimentano in rapide discese a cavallo cercando di prendere la stella con la loro spada (la prima discesa spetta a su Componidori). La festa continua con il corteo che si sposta verso via Mazzini, dove dal piccolo tunnel parte la corsa delle pariglie (gruppi di tre cavalieri) durante le quali si può assistere alle spericolate evoluzioni e acrobazie dei cavalieri. La festa termina alle 18:30 con la cerimonia della svestizione de su Componidori con ingresso libero.

Qui potete vedere su Componidori, col cilindro in seconda fila
Qui potete vedere su Componidori, col cilindro in seconda fila

 

Se volete fare un salto indietro nel Medioevo, quando i re in particolari occasioni offrivano questo tipo di spettacoli al popolo e i cavalieri affrontavano difficili sfide per intrattenere il pubblico, quale occasione migliore della Sartiglia? Un carnevale diverso dai soliti, ma appassionante e altrettanto divertente e colorato.

 

*i gremi sono delle corporazioni  religiose che riunivano persone dello stesso mestiere, presenti durante il Regno di Sardegna di età spagnola.

*Su componidori è la figura centrale dello spettacolo e viene scelto dal gremio a cui appartiene (contadini o falegnami)

 

Tutte le foto sono state realizzate da Salvatore Scanu