· 

Xanten

Una passeggiata nel tempo e nello spazio, fra Germania, Olanda, Impero romano e Medioevo

Di Giulia Secci


In autunno, per il ponte di Ognissanti, andiamo in Germania a trovare degli amici tedeschi.  Poiché i giorni di festa e la domenica è tutto completamente chiuso, decidiamo di accettare la proposta dei nostri amici di andare fino in Olanda in macchina. Senza sapere dove ci porteranno, ci affidiamo totalmente a loro, ed è cosi che scopriamo Xanten, una piccola cittadina tedesca della Renania settentrionale, quasi al confine con l’Olanda. 

Xanten
Piccolo murale all'ingresso della città
Kriemhild Mühle
Kriemhild Mühle

 

Da subito, mentre percorriamo una strada in pietra, abbiamo una bella sorpresa: di fronte a noi girano le grandi pale di un mulino a vento ancora attivo, visitabile col solo acquisto di una delle sue prelibatezze, fra pane tipico e dolci. Il suo nome è Kriemhild Mühle

Ci avviciniamo alla struttura interamente in pietra e, nonostante le numerose persone che attira, riusciamo a entrare al suo interno, fatto tutto di legno. Salendo nei diversi piani, tramite ripide e strette scale, osserviamo il processo di produzione della farina. Grazie ai numerosi ingranaggi e vecchi meccanismi ancora in funzione, conosciamo e scopriamo in modo più approfondito questa stupefacente invenzione, un tempo fondamentale. Un piacevole odore di farina ci accompagna durante tutta la visita e, una volta usciti, ci godiamo il buonissimo pane acquistato poco prima al suo interno.

Sembra quasi di essere già in Olanda! Infatti, appena usciti dal mulino incontriamo un gruppo di turisti che indossa i tipici zoccoli di legno, attorno a delle statue, anch'esse con gli zoccoli. 

 

Ma è solo l’inizio, perché scopriamo che Xanten porta con sé le testimonianze di numerose epoche, ed è proprio questo che la rende così unica e bella.

Durante l’Impero romano ospitava un accampamento legionario di cui è rimasto l’interessante museo Archeologiepark, dove si possono ammirare le case romane, parte del tempio portuense, la cinta muraria, l’anfiteatro, le terme e l’ostello romano, ricostruiti in parte o totalmente per dare un’idea di come fosse la vita all’epoca della colonia.

Xanten

 

Anche il Medioevo ha lasciato le sue tracce,  come il Klever Tor, la porta di accesso  medievale della città, parte del muro che ancora la circonda. Incontriamo questa porta proprio poco dopo il mulino e ci facciamo qualche foto di rito, anche perché è la città stessa a proporcelo col simpatico selfie point.

Foto del Klever Tor e del Selfie point


Proseguendo incontriamo la Marktplatz, una grande piazza con i tipici palazzi tedeschi, che nel periodo natalizio ospita uno dei tradizionali mercatini.  Infine, ci attende il bellissimo Duomo, St. Victor Dom, che giriamo in lungo e in largo, ammirandone ogni particolare, compreso il suo porticato interno col giardino.

Foto della Marktplatz

Foto del Duomo


La nostra visita a Xanten finisce qui e proseguiamo il nostro viaggio verso l’Olanda, dove ci aspettano tante altre sorprese.

Xanten

Consigliamo a tutti voi, se passate da quelle parti, di trascorrere una giornata a Xanten. Un'esperienza unica, un viaggio nel tempo e nello spazio, tutto in una piccola cittadina della Renania settentrionale.

 

Ringraziamo i nostri amici (nella foto con noi) per le belle giornate passate insieme e per averci fatto scoprire Xanten. A presto!